AFGHANISTAN. Le donne temono il ritorno dei talebani

44

Temendo che possa tornare un governo fondamentalista talebano, molte donne in Afghanistan sono determinate a votare nei prossimi sondaggi presidenziali per difendere i loro diritti duramente conquistati, sanciti dal crollo del regime islamista nel 2001. L’attivista Muqadasa Ahmadzai (in apertura), 25 anni, era una bambina quando i Talebani governarono il paese per cinque anni a partire dal 1996. Non ha molti ricordi di quell’epoca, ma questo non le ha impedito di dedicare la sua vita a promuovere i diritti delle donne ed evitare una possibile inversione dei valori democratici del paese.

Ahmadzai lavora per le donne a Nangarhar, una delle province più pericolose dell’Afghanistan orientale, dove i Talebani e i gruppi insorti dello Stato islamico dominano vasti territori. «Oggi le donne sono insegnanti, medici, piloti, hanno il diritto di guidare, partecipare alle elezioni e difendere i loro diritti civili e fondamentali», ha detto Ahmadzai ripresa da Efe, spiegando i progressi compiuti negli ultimi 18 anni.

Al contrario, ha detto, sotto il regime talebano «le donne sono state uccise, flagellate in pubblico per non aver indossato il burqa, le scuole abbandonate e gli ospedali distrutti». Ha detto di aver sentito da sua madre che le donne hanno persino partorito i loro figli per strada a causa della mancanza di accesso all’assistenza sanitaria. «Anche se le donne hanno ancora delle sfide, i progressi che abbiamo fatto sono significativi”, ha detto.

Dopo essere partite quasi da zero, le donne occupano ora il 27 per cento dei posti nella pubblica amministrazione, e decine di loro occupano posizioni di alto livello nel governo come ministri o ambasciatrici nel paese, dove il 39 per cento degli oltre nove milioni di studenti delle scuole sono ragazze. Molti afghani temono che ci sia la possibilità che i Talebani ritornino al potere nel paese come parte di un accordo con gli Stati Uniti. Ciò ha suscitato la preoccupazione che tutti i risultati democratici raggiunti negli ultimi 18 anni possano andare in fumo.

Per evitare questo, Ahmadzai chiede alle donne di non rimanere in silenzio e di mobilitarsi con mezzi democratici, soprattutto durante le elezioni previste per il 28 settembre: «Per proteggere i loro risultati e difendere i loro diritti, le donne devono partecipare attivamente alle prossime elezioni e dovrebbero eleggere un presidente che possa veramente difendere i loro diritti contro i Talebani nei colloqui di pace. Eleggendo un presidente competente, le donne possono garantire non solo il proprio futuro, ma anche il futuro dei loro figli e del paese», ha aggiunto.

Ci sono 18 candidati alla carica presidenziale, tra cui il presidente in carica Ashraf Ghani, che sta cercando un secondo mandato, il suo premier Abdullah Abdullah Abdullah, l’ex leader ribelle Gulbuddin Hekmatyar e l’ex capo dei servizi segreti Hanif Atmar.

Lucia Giannini