AFGHANISTAN. Kabul accusa Mosca di addestrare i talebani

77

L’Afghanistan accusa la Russia di addestrare talebani. Il capo della polizia provinciale di Uruzgan ha detto ai media afghani che notizie d’intelligence hanno mostrato che i russi fornivano ai militanti talebani armi e addestramento.

«Undici russi, tra cui due donne, vestiti in uniformi da medico e sorvegliati da quattro talebani armati, insieme a un traduttore afgano, sono stati avvistati in varie parti della provincia» ha detto Ghulam Farooq Sangari, capo della polizia di Uruzgan, riporta VoA.

I “consiglieri militari” russi sono stati avvistati due volte nei pressi Tirinkot, capoluogo dell’Uruzgan, prosegue VoA. Le connessioni dei talebani con la Russia sono venute fuori da quando Mosca ha cercato di aumentare la sua influenza sulla nazione per contrastare l’espansione dello Stato islamico dall’Afghanistan verso i paesi confinanti dell’Asia centrale.

Le accuse di coinvolgimento militare russo in Afghanistan hanno acceso la preoccupazione da parte degli Stati Uniti e delle autorità afghane che la Russia stia lavorando dietro le quinte per aiutare i gruppi militanti a combattere contro le forze afghane.

La Russia ha riconosciuto sì dei legami politici con i talebani, ma Mosca non sta fornendo ai talebani né armi né addestramento. La Russia afferma che i loro contatti con i talebani sono finalizzate a facilitare il processo di pace in Afghanistan.

Durante lo scorso fine settimana, l’ambasciata russa a Kabul ha rilasciato una dichiarazione dicendo che l’esercito russo non stava aiutando militanti talebani: «È sorprendente che statisti, deputati e alti ufficiali di polizia, sulla base di voci e congetture e senza fornire al pubblico le prove, si permettano di fare pubblicamente accuse irresponsabili contro la Russia di finanziamento e aiuti al terrorismo», recita il comunicato.

Nonostante questo le accuse di legami militari russo-talebani stanno crescendo: il governatore della provincia di Kunduz aveva detto il mese scorso che i talebani chiedevano a Mosca armi e formazione per contrastare la crescente influenza di Daesh in varie parti del paese.

Maddalena Ingrao