Afghanistan: Jui-F espulso dai colloqui di pace

44

AFGHANISTAN – Kabul. 04/06/13. Pak Jui-F fuori dai colloqui per la pace con i talebani. Secondo l’Afghanistan Sun, Jamiat Ulema-e-Islam-Fazl (Jui-F) capo Maulana Fazlur Rahman ha escluso il ruolo del partito nei colloqui di pace con i talebani, affermando che vi è stato un ritiro dell’offerta nei colloqui, e nel disinteresse del sistema militare nella questione.

 

In una dichiarazione rilasciata dal suo portavoce, Rahman ha detto che non vi è stata alcun contatto, né il governo avvicinato il Jui-F per quanto riguarda i colloqui, riporta La Nazione.

I talebani pakistani hanno rifiutato di partecipare a colloqui di pace con il nuovo governo del paese e hanno promesso di «vendicarsi nel modo più forte» dopo che Wali ur-Rehman, il secondo capo del gruppo, è stato ucciso in un sospetto attacco USA con un drone.

Il Principale portavoce dei talebani, Ehsanullah Ehsan, ha detto che il governo non è riuscito a fermare attacchi dei droni, così hanno deciso di porre fine alle trattative con il governo.

Egli ha aggiunto che continueranno ad attaccare in Pakistan.

Secondo i media, i funzionari statunitensi avevano accusato Rehman, che era il vice capo di talebani pakistani capo Hakimullah Mehsud, di una serie di attacchi transfrontalieri sanguinosi contro il personale degli Stati Uniti e della NATO in Afghanistan, tra cui un assalto nel 2009 che ha ucciso sette americani in un struttura della CIA.