AFGHANISTAN. I talebani, cacciati da Trump, vanno in Russia e in Cina

69

I Talebani hanno inviato una delegazione in Russia per discutere le prospettive di un ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan a seguito del crollo dei colloqui con gli Stati Uniti questo mese.

I Talebani, giorni dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annullato una riunione prevista con i loro capi a Camp David, hanno detto che cercano sostegno regionale da Cina, l’Iran e gli stati dell’Asia centrale, con una serie di visite.

«Lo scopo di queste visite è quello di informare i leader di questi paesi sui colloqui di pace e sulla decisione del presidente Trump di annullare il processo di pace in un momento in cui entrambe le parti avevano risolto tutte le questioni in sospeso e stavano per firmare un accordo di pace», hanno detto i talebani in Qatar, ripreso da Reuters.

La Russia, che ha ospitato le riunioni fra i Talebani ed i rappresentanti politici e della società  civile afghana, ha detto questa settimana che ha sperato che il processo potrebbe essere rimesso in pista ed ha invitato entrambe le parti a riprendere i colloqui: «Siamo convinti che la fine completa della presenza militare straniera è una condizione inalienabile per la pace duratura in Afghanistan», ha detto il portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Tuttavia, non è chiaro se i colloqui possono essere ripresi. La leadership talebana ha detto che lo scopo delle visite non era quello di cercare di rilanciare i negoziati con gli Stati Uniti, ma di valutare il sostegno regionale per costringerli a lasciare l’Afghanistan.

I funzionari statunitensi e talebani hanno tenuto mesi di colloqui nella capitale del Qatar di Doha e hanno concordato un progetto di accordo che avrebbe visto circa 5.000 soldati statunitensi ritirati dall’Afghanistan in cambio di garanzie di sicurezza da parte dei talebani. Tuttavia, l’accordo, inteso come passo preliminare ad un più ampio accordo di pace, ha dovuto affrontare pesanti critiche da parte del governo afghano, escluso dai colloqui. Molti ex alti funzionari statunitensi che avevano lavorato nella regione hanno anche avvertito che un ritiro affrettato rischiava di destabilizzare il paese e persino di farlo precipitare di nuovo in un nuovo ciclo di guerra civile.

Il progetto di accordo non includeva un accordo di cessate il fuoco e con la il susseguirsi degli attacchi, Trump ha annunciato la cancellazione della riunione di Camp David via Twitter dopo che un attentato suicida a Kabul ha ucciso almeno 12 persone, tra cui un soldato americano.

Successivamente ha definito i colloqui morti e ha detto che le forze americane avrebbero intensificato le operazioni contro i Talebani, che controllano più territorio che in qualsiasi momento da quando sono stati cacciati dalla campagna guidata dagli Stati Uniti nel 2001.

Luigi Medici