AFGHANISTAN. I talebani bruceranno le case di chi voterà

31

Gli abitanti dei villaggi in Afghanistan affermano che i Talebani hanno detto loro di non votare alle elezioni previste per la fine di quest’anno, minacciando di bruciare la casa di chiunque lo faccia, nel tentativo di far fallire il voto, visto come un importante banco di prova per la credibilità del governo. Le elezioni parlamentari e distrettuali previste per ottobre rappresentano un’enorme sfida per un governo che è sottoposto a forti pressioni da parte dei suoi sostenitori internazionali per garantire un voto equo e credibile, riporta Reuters.

Ma i talebani, che hanno lanciato la loro offensiva annuale di primavera, hanno già chiarito che non permetteranno che le elezioni politiche, viste come una prova per le elezioni presidenziali del prossimo anno, si svolgano senza ostacoli.

Il complesso processo di registrazione degli elettori in oltre 7.000 centri in tutto l’Afghanistan è iniziato ad aprile in 34 capitali provinciali, con centri e villaggi distrettuali che dovrebbero iniziare il mese prossimo.

Se entro ottobre si registreranno circa 14 milioni di elettori, non ci sarà spazio per imprevisti, i funzionari di Kabul riconoscono che il processo è iniziato lentamente, con circa 568000 persone che si sono iscritte, ma sperano che il numero aumenti in futuro. Secondo le stime degli Stati Uniti, il governo ha il controllo fermo su non più di circa il 56 per cento del paese e la vulnerabilità aumenterà man mano che il processo continuerà nei centri distrettuali e nelle aree rurali.

Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha negato che il movimento stesse lanciando minacce di bruciare le case, ma ha confermato che l’Emirato Islamico stava dicendo alla gente di stare lontano dalle elezioni. Le forze di sicurezza afghane hanno avviato operazioni per respingere i talebani e promettere alla popolazione di poter votare in condizioni di sicurezza. Le istituzioni locali e centrali hanno ribadito che non permetteranno a nessuno di fermare le elezioni.

Luigi Medici