AFGHANISTAN. I Talebani accusano governo afgano e alleati di brutalità verso i civili

77

I talebani il 27 febbraio hanno invitato le Nazioni Unite ad agire contro le forze di sicurezza afghane, dipendenti da un governo che non riconoscono, e le truppe straniere di stanza nel paese che, secondo loro, hanno violato i diritti umani e attaccato i civili.

In una lettera aperta alle Nazioni Unite, l’Organizzazione della cooperazione islamica e Human Rights Watch, riporta Efe, l’Emirato islamico dell’Afghanistan ha affermato che le truppe filogovernative hanno preso di mira civili, scuole, centri religiosi, ospedali e mercati in tutto l’Afghanistan. «L’Emirato islamico fa appello alla Conferenza islamica, alle Nazioni Unite, a Human Right Watch, alla Corte penale internazionale e a tutti i media indipendenti per impedire seriamente che le gravi violazioni dei diritti umani in Afghanistan siano perpetrate dalle forze di occupazione e dal suo regime», hanno detto i Talebani.

Gli insorti hanno detto che negli ultimi due mesi ci sono stati almeno 18 casi di attacchi contro i civili da parte delle forze filogovernative. Inoltre, ha sostenuto che la “brutalità spietata” contro la popolazione civile e la “pulizia etnica degli afgani” è continuata, nonostante i colloqui di pace in corso.

Il 26 febbraio, i Talebani e gli Stati Uniti hanno iniziato il loro quinto ciclo di colloqui di pace a Doha, concentrandosi sul ritiro delle truppe straniere e sulle garanzie degli insorti per assicurare che il loro territorio non sia utilizzato per attività terroristiche rivolte agli Stati Uniti o ad altri paesi.

La lettera aperta dei talebani arriva alcuni giorni dopo la relazione annuale della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan sulle vittime civili nel conflitto.

Secondo il rapporto, pubblicato il 24 febbraio, gli insorti erano responsabili del 63 per cento delle 10993 vittime civili, mentre i Talebani erano responsabili del 37 per cento, seguiti dallo Stato islamico con il 20 per cento. L’Unama ha attribuito il 24 per cento delle morti civili alle forze filogovernative, mentre il 13 per cento non è stato attribuito a nessuna delle due parti.

I dati Unama hanno segnalato un aumento dell’11% rispetto all’anno precedente e un numero record di morti civili dal 2009. Il rapporto dice anche che nel 2018 sono stati uccisi 927 bambini, il numero più alto dal 2009, principalmente a causa del più che raddoppiato numero delle morti di bambini a causa di operazioni aeree, così come un aumento del numero di bambini morti per attacchi suicidi.

Lucia Giannini