Si scaldano le presidenziali afgane

54

AFGHANISTAN – Kabul 30/09/2013. La campagna elettorale per la presidenza dell’Afghanistan si è scaldato  ulteriormente il 30 settembre, quando l’ex ministro delle finanze afghano, Ashraf Ghani Ahmadzai, ha annunciato che correrà per la presidenza, diventando il primo grande nome a dichiarare la sua candidatura.

Ghani ha dato l’annuncio sul suo account Twitter che ha intenzione di partecipare ad aprile 2014 alle elezioni per succedere ad Hamid Karzai. Ghani è un pashtun, il gruppo etnico dell’Afghanistan più numeroso. Ha trascorso qualche anno presso una serie di università degli Stati Uniti prima di entrare alla Banca Mondiale e di diventare ministro delle finanze nel periodo 2002-2004. Si è dimesso il 29 settembre dalla carica di presidente del Comitato di coordinamento della transizione, che sovrintende il ritorno alla piena sovranità dell’Afghanistan dopo la caduta del regime talebano nel 2001.

Tutti i membri delle amministrazioni pubbliche afgane, interessati a partecipare alle elezioni presidenziali, provinciali o parlamentari, devono lasciare la loro carica, secondo la legge, 75 giorni prima del giorno delle elezioni. Ghani ha già corso per la più alta carica del paese in precedenza, raccogliendo meno del 3 per cento dei voti nelle elezioni presidenziali del 2009. Nella settimana precedente, il capo del partito Wahdat-i-Islami testa Mohammad Mohaqiq ha annunciato le sue dimissioni da membro della Wolesi Jirga (il Parlamento afgano) per prendere parte alle presidenziali.