Vacanze Halal: ora è possibile

84

EMIRATI ARABI UNITI – Abu Dhabi. 19/10/14. Abu Dhabi è pronta a diventare una destinazione importante per il turismo Halal, un concetto veloce emergente nel settore del turismo che offre una gamma di pacchetti vacanza che aderiscono a credenze e pratiche islamiche.

L’Autorità per il Turismo e la cultura di Abu Dhabi è attira tour operator e gruppi con pacchetti su misura per i turisti halal che non vogliono compromettere i loro valori islamici mentre si trovano in vacanza. «Stiamo lavorando su una strategia specifica per il turismo Halal. Si comprende che riunisce una gamma di prodotti che qualificano come turismo halal, ma non sono mai stati raccolti per fare una offerta sostanziale» asserisce Mubarak Al Nuaimi, Direttore Promozioni & uffici all’estero, Abu Dhabi Tourism & Culture Authority alla testata albawaba.com. I pacchetti turistici halal comprendono soggiorni in hotel con cibo halal e bevande non alcoliche, strutture ricreative separate per uomini e donne, visite a moschee e luoghi di cultura islamica. «Siamo in grado di soddisfare le specifiche richieste dei musulmani su una serie di fronti e halal F & B è uno di loro. Abbiamo anche un numero di alberghi senza alcool di alta e media qualità e aree e attività dedicate alle donne», ha aggiunto Nuaimi. L’Autorità per il turismo è già in trattative con leader con sede nel Regno Unito operatore turismo Halal, Serendipity, per testare il mercato. Quattro alberghi – One-To-One The Village; Ayla Hotel a Al Ain, Hala Arjaan by Rotana e Cristal Hotel a Abu Dhabi sono già quotate in www.halalbooking com. Nuaimi ha detto che alcuni tour operator stanno già cominciando a realizzare il potenziale del mercato. «Un esempio è quello delle crociere in barca dhow del capitano Tony, che ora offre un tour per sole donne della Corniche. Ladies-solo sessioni sono disponibili a Yas Waterworld parco acquatico e il mercoledì sera a Yas Marina Circuit anche».Lo Sceicco Zayed, Grand Mosque in Abu Dhabi figurerà su ogni agenda del turismo Halal. Nuaimi ha detto che stanno lavorando con le parti interessate per confezionare post-Haj e post-Umrah pause. «Siamo in grado di collegare i paesi musulmani da Est a Ovest e quelli in direzione opposta via Abu Dhabi International Airport, e speriamo che molti sceglieranno di spezzare il loro viaggio nell’emirato e alla fine convinto a rimanere più a lungo». I soggetti che promuovono il turismo Halal conti ha un potenziale immenso. «Stiamo cercando di creare prodotti specifici che aggiungeranno valore per i viaggiatori musulmani», ha detto Nehme Imad Darwiche, Amministratore Delegato di Jannah Hotels and Resorts, la cui azienda gestisce una catena di cinque hotel non alcoliche negli Emirati Arabi Uniti. Darwiche ha detto che stanno creando piscine e palestra separate per le donne. «Stiamo anche esaminando la costruzione di un villaggio separato per il turismo hall». Un altro fornitore in questo segmento di ospitalità, Cristal Hotel nella città di Abu Dhabi, ha detto che stanno ottenendo una buona risposta dal sito halalbooking.com. «Ci aspettiamo che il numero di prenotazioni aumenti per i viaggiatori musulmani provenienti da diverse parti del mondo, al momento vi è grande interesse per esplorare Abu Dhabi», ha detto un funzionario che non vuole essere nominato.