I primi cinque anni dell’Abkhazia

53

ABKHAZIA – Sukhumi. 09/08/13. Sono passati 5 anni dalla guerra di indipendenza dell’Abkhazia. Il presidente Alexander Ankvab nel giorno della commemorazione dice di essere vicino ai fratelli dell’Ossezia del Sud. In una intervista alla AnyPress ha dichiarato: « La consolazione per tutti noi è che i nostri fratelli morti in questa guerra, hanno difeso la loro patria, con grandi sacrifici, ma sono giunti alla meta – il riconoscimento dell’indipendenza. Non vi è dubbio che, se non fosse stata assolutamente necessaria e tempestiva la reazione della leadership russa e la decisione personale del presidente russo Dmitry Medvedev per l’assistenza militare, il destino di Ossezia del Sud e Abkhazia non sarebbe stato lo stesso. Il dispiegamento di truppe effettivamente ha salvato tutti noi». 


Il 26 Agosto 2008, il presidente russo Dmitry Medvedev firmò un decreto per il riconoscimento della Repubblica di Abkhazia come uno stato indipendente e sovrano. Stato non riconusciuto né dalla Nato, né dalla Ue. Da allora sono passati 5 anni e l’Abkhazia ha fatto notevoli progressi. Anche se è ancora la Russia sostiene economicamente la crescita del Paese.

Secondo l’Ufficio di Statistica dello Stato della Repubblica diell’Abkhazia il primo Pil fu calcolato nel 2009 con il metodo Rosstat in conformità con le raccomandazioni della Commissione statistica delle Nazioni Unite (SNA 93) ed ammontava a 15,3 miliardi di rubli, nel 2010 era arrivato a 20,4 miliardi di rubli con un aumento rispetto all’anno precedente del 33%.

Il più grande contributo al PIL della Repubblica di Abkhazia, nel 2010 fu fornito dai seguenti settori: costruzioni 34,4% del valore aggiunto lordo; nel commercio e nella ristorazione collettiva 20,5%, industria del 9,5%, in agricoltura 7,5%. 

Il PIL pro capite della Repubblica di Abkhazia, nel 2010 ammontava a 88.600 rubli. Il numero di occupati nell’economia della Repubblica di Abkhazia nel 2010 è pari a 38,2 milioni di persone, di cui la maggior parte della popolazione era impiegata: in educazione 18,2%, nella sanità e assistenza sociale 17,9%, costruzione 74%, il commercio e la ristorazione collettiva 7,3%, industria del 6,7%.

Il salario medio mensile degli occupati nell’economia della Repubblica di Abkhazia nel 2010 è pari a 5.953 rubli. Con la Risoluzione del Consiglio dei Ministri della Repubblica di Abkhazia al 28 dicembre 2010 № 263 dal 1 gennaio 2011 ha stabilito un salario minimo di 5.000 rubli. Il valore del costo medio mensile della vita per un unico residenti occupabili di Abkhazia, nel gennaio 2010 è pari a 3.972 rubli, nel dicembre del 2010-4295 rubli. Il 1 ° novembre 2011 il valore del costo medio mensile della vita pro capite di lavoro Abkhazia è fissato a 4463 rubli.

Secondo l’Ufficio di Statistica di Stato della Repubblica di Abkhazia, il numero medio di lavoratori impiegati nell’economia il 1 ° aprile 2011 è stato 36.595 persone, il salario medio per dipendente nel primo trimestre del 2011 -. 6900,5 rubli.

Secondo il Comitato doganale di Stato della Repubblica di Abkhazia,  il fatturato del commercio estero del paese  nel 2011 ammontava a 15,641.2 mln. di godusostavil con un aumento rispetto al 2010 del 24,6%. Le importazioni sono aumentate del 31,4%, le esportazioni sono diminuite del 8,9%.

La struttura merceologica delle esportazioni nel 2011 è stato dominato da: prodotti vitivinicoli (esportazione quota del 41,7%), i prodotti delle industrie estrattive e di lavorazione (32%), prodotti agricoli (18,1%), metalli ferrosi (3%).

Il volume delle esportazioni di vino in valore nel 2011 è aumentato rispetto al 2010 del 23,1% (da 558,5 milioni di rubli a 687.6 milioni rubli). 

La quota delle esportazioni agricole in termini di valore delle esportazioni totali della Abkhazia è diminuito nel 2011 al 18,1%, contro il 28% nel 2010. Completamente interrotta la fornitura di tè grezzo. Rispetto al 2010, l’offerta di questo gruppo di commodity diminuita in termini di valore, in generale, del 43,5% (da 517,3 mln. Nel 2010-292.500.000 rubli. Nel 2011).

Le esportazioni di pesce fresco (acciughe, suri) in valore nel 2011 è diminuito rispetto al 2010 del 32,6%. L’esportazione dei prodotti trasformati del settore della pesca (olio di pesce e farina) è sceso a 60,2 mln., Contro 101,9 milioni di rubli. nel 2010 (- 41%).

C’è stato anche un andamento negativo delle esportazioni di prodotti nel settore minerario e le industrie di trasformazione, che è principalmente associata con una significativa riduzione del volume di esportazione di sabbia e ghiaia e carbone. 

I principali prodotti di esportazione sono: produzione di vino – 687,6 milioni di rubli. o il 35,4% del totale delle esportazioni, il carbone – 359,8 milioni di rubli. o 18,5%, sabbia e ghiaia – 203,4 milioni di rubli. o il 10,5%, gli agrumi – 178,5 milioni di rubli. o 9,2%, nocciole -69,1 mln. o 3,6%.

Nel 2011, le operazioni di esportazione effettuate principalmente con i due paesi: la Federazione Russa e la Turchia. La quota delle esportazioni imputabili alla Federazione Russa, è stato del 71%, e Turchia – 27%.

Una repubblica, l’Abkhazia, che si estende su un’area delimitata sulle pendici settentrionali del Grande Caucaso catena montuosa nel sud – la costa del Mar Nero. A ovest, il fiume Psou, confina con la Russia ad est, lungo il fiume Inguri – con la Georgia. Capitale è la città di Sukhumi, in Abkhazia “Aqua”. Spalmata su 8.665 km quadrati si estende da ovest a est – oltre 170 km, da sud a nord – 65 km. La lunghezza totale del confine circa 600 km. . Di questi, 390 km – terra e 210 km – confine marittimo  territorio di Abkhazia è divisa in sette distretti amministrativi: Gagra, Gudauta, Sukhumi, Gulrypsh, Ochamchyra, Tkuarchal, Gal. La popolazione è di 300.000 persone.