Abe assume la responsabilità politica della crisi

59

ISRAELE – Gerusalemme 20/01/2015. Shinzo Abe ha chiesto che lo Stato islamico liberi immediatamente i due ostaggi giapponesi, illesi dopo che i militanti hanno registrato una minaccia di video per ucciderli.

«Chiedo con forza che gli venga fatto alcun male feriti e che siano rilasciati immediatamente», ha detto a una conferenza stampa a Gerusalemme, parlando nella sua lingua madre. «Sono estremamente indignato per un atto del genere (…) La comunità internazionale non deve cedere a qualsiasi forma di terrorismo e dobbiamo fare in modo di lavortare insieme», ha detto Abe. La conferenza stampa del premier nipponico è iniziata con un’ora di ritardo a causa della crisi degli ostaggi, ma Abe ha detto che gli aiuti promessi sarebbero stati erogati come promesso. «Questa situazione non cambierà niente», ha detto il premier, sottolineando che il denaro servirà per aiutare gli sfollati e i senza tetto causati dal conflitto in Iraq e la Siria: «Questi 200 milioni di dollari del pacchetto per i rifugiati e gli sfollati è assolutamente necessario per la loro sopravvivenza. Noi lo implementeremo costantemente». Il leader giapponese ha annunciato che erano state create due squadre per gestire la crisi degli ostaggi, una all’interno del governo, e una all’interno del ministero degli Esteri. Ha poi detto che era stato inviato un alto funzionario in Giordania per parlare con il governo giordano e per raccogliere maggiori informazioni sulla situazione. «Io stesso gestirò personalmente la risoluzione di questo problema», ha detto Abe che si è recato a Ramallah per incontrare il presidente palestinese Mahmud Abbas prima di tornare in Giappone, troncando il resto del suo tour diplomatico.