SPECIALE DAESH MATRIX #50

34

di Redazione ITALIA – Roma 22/12/2016. Soffermiamo la nostra attenzione su quanto sta avvenendo ad Aleppo ora che i civili sono stati ufficialmente evacuati. Le operazioni militari, secondo quanto compare sui social, stanno interessando direttamente le aree più esterne alla città ed altri siti, come al Bab. Ora che la resistenza in città è stata eliminata, gli unici obiettivi per Daesh restano le forze di Scudo dell’Eufrate e i siriani. I militari turchi stanno subendo pesanti perdite in vite umane e materiale dall’inizio delle operazioni contro lo Stato Islamico nella campagna di Aleppo. Nei scorsi giorni una  autobomba bomba ha colpito una colonna dell’esercito nei pressi dell’ospedale Farouk, distruggendo carri armati, quattro blindati e un bulldozer. L’attacco è avvenuto in risposta 22 bombardamenti dell’esercito turco, 48 attacchi aerei e più di 300 colpi di artiglieria.
Secondo la rete social di Daesh, i soldati restanti dell’esercito turco e le milizie sono fuggite e le forze di Daesh hanno preso il controllo della zona intera.

L’esercito turco ha perso uomini e mezzi anche in scontri precedenti; facendo la conta circa 20 soldati sono stati uccisi o feriti, e sono stati distrutti dai mujahidin dello Stato Islamico veicoli corazzati da missili guidati.
Sono proseguite poi le azioni di attacco da parte di Scudo dell’Eufrate che però si stanno infrangendo  con la resistenza del califfato nell’area.

Se Aleppo è stata espugnata come affermato dalle forze di Assad, la sua periferia ancora è tratta ed ospita le forze del Califfato che stanno rendendo complicata la gestione del territorio.

N.B.: la foto di apertura è riferita ai danni di un recente bombardamento su Raqqa
DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico. Per informazioni e prenotazioni scrivere a: segreteria.redazione@agccommunication.eu