Dubai potenzia il settore non oil

28

di Graziella Giangiulio  EAU – Dubai 03/11/2016. Gli Emirati Arabi Uniti stanno lavorando su nuove leggi per incrementare la produzione industriale per ridurre la dipendenza economica dal settore del petrolio nel suo Prodotto interno lordo, portandolo dal 30 per cento al 20 per cento entro il 2021. Lo ha annunciato il ministro dell’Economia Sultan bin Saeed Al Mansouri, riporta Arabian Business, al Uae Third Economy Planning Forum di Umm Al Quwain. Al Mansouri ha detto che gli Emirati Arabi Uniti prevedono di aumentare il contributo del proprio settore industriale, puntando al 20 per cento del Pil entro il 2021 partendo dal 16 per cento nel 2015.

«Il ministero sta attualmente lavorando a stretto contatto con i suoi partner strategici su un gran numero di leggi e regolamenti, per investimenti antidumping e stranieri, che svilupperà il settore e rafforzerà la sua attrattiva», ha detto Al Mansouri (nella foto) ripreso da The National.

Il Ministro ha detto che la crescita economica globale rimane lenta e irregolare a livello internazionale, citando i dati di previsione del Fondo monetario internazionale sulla ripresa dell’attività globale e nei mercati emergenti e in via di sviluppo.

«Il Pil totale degli Emirati Arabi Uniti è arrivato a 323 miliardi di dollari nel 2015, una crescita del 3,8 per cento, nonostante il rallentamento economico globale influenzato dai prezzi in caduta delle materie prime e del petrolio, al calo della domanda globale in aggiunta alla diminuzione degli investimenti, della spesa e della fiducia dei consumatori», ha aggiunto al Mansouri.
Il ministro ha detto che solo la voce dei piani strategici degli Eau sulla diversificazione economica ha contribuito allo sviluppo di vari settori e ad una maggiore attrattiva economica: «La nostra strategia in questo momento è quella di costruire un’economia basata sulla conoscenza attraverso settori industriali multi-settoriali basati sulla conoscenza come i trasporti, l’energia rinnovabile, la tecnologia spaziale e l’It».